Ogni giorno dovrebbe essere una giornata di consapevolezza verso l’inclusività. Lo diciamo l’indomani della “Giornata mondiale della consapevolezza sull’Autismo” che in questo 2023 si è svolta domenica 2 Aprile.

Questa mattina in molte scuole i più piccoli sono tornati, dopo il fine settimana. E con le loro insegnanti non è mancata l’occasione di affrontare un tema così importante. La giornata primaverile ha consentito a molti di loro di fare una passeggiata simbolica: la cosiddetta “Camminata blu”. A Rovigo ad esempio oltre 90 alunni, accompagnati da 10 maestre vestiti di blu o con un fiocco farfalla blu, hanno percorso il centro città. Un simbolo, un colore per ricordare che l’Autismo c’è e non va demonizzato. Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, Domenica 2 Aprile, si è recato in una pizzeria, dove lavorano giovani “speciali”, in occasione della giornata dedicata all’autismo.

In Italia un bambino su 77 presenta un disturbo dello spettro autistico e i maschi sono colpiti 4,4 volte in più rispetto alle femmine. La diagnosi precoce, intorno ai 2 o 3 anni, è importantissima e questo “è un obiettivo raggiunto o ben avviato nella maggior parte delle regioni” ma “non altrettanto avviene per gli interventi terapeutici, sebbene anche in questo ambito grandi passi avanti siano stati realizzati rispetto al passato“. Lo spiega la Società Italiana di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza (Sinpia) in vista della giornata mondiale per la consapevolezza sull’autismo del 2 Aprile.

Noi di Faedesfa da sempre siamo attenti a questi temi. E non potevamo che ricordarne l’importanza assieme ad un cavallo di battaglia: favorire l’inclusività e dare dignità a tutti i bambini e ragazzi speciali.